Air Max

✓  LIVRÉ AVEC UN CERTIFICAT D'AUTHENTICITÉ


Nike Air Max, la storia dei formatori di bolle è scritta su Kikikickz.

Come fan delle sneaker, sapete come la storia di Nike sia inseparabile da quella della corsa. E per una buona ragione, è lo sport preferito dai produttori di attrezzature. È lo stesso sport che Phil Knight e Bill Bowerman hanno iniziato quando già lavoravano insieme come Blue Ribbon Sports, qualche anno prima di creare ufficialmente Nike

.

Dal mondo dello sport alla strada, uno sguardo indietro a 30 anni di Nike Air Max.

Per i due accoliti che si sono incontrati all'Università dell'Oregon, farsi un nome nel mercato dell'atletica, e ancor più in quello della corsa, era davvero una priorità e un obiettivo importante.

Frank Rudy, Tinker Hatfield e gli altri angeli della Nike.

Per ottenerlo, non hanno mai smesso di innovare, destinando molte risorse alla loro unità di R&S, e sono stati capaci di contare sulla loro buona stella allo stesso tempo. Già nel 1977, i co-fondatori del marchio Swoosh ebbero la fortuna di avere Frank Rudy che bussava alla loro porta. È stato lui, l'ex ingegnere della NASA, che ha dato loro la buona idea di inserire cellule di gas compresso nelle suole delle loro scarpe per offrire agli atleti una migliore ammortizzazione. Dopo il successo dei test sul Tailwind l'anno successivo e sull'Air Force 1 nel 1982, un secondo uomo venne in soccorso di Nike per liberare il pieno potenziale della tecnologia Nike Air. Quest'uomo è ovviamente Tinker Hatield

, il padre-fondatore della Air Max 1 e più globalmente di un progetto ambizioso che i suoi successori stanno ancora lavorando per mantenere vivo.

La Nike Air Max 1, che ha visto la luce nel 1987, non è infatti una semplice scarpa da corsa, per quanto rivoluzionaria possa essere stata con il suo design ispirato al Centre Pompidou e la sua mitica bolla d'aria visibile nel tallone. Era la pietra miliare di un progetto che Tinker Hatfield stesso ha continuato negli anni successivi con la Air Max 90 tre anni dopo e la Air Max BW

e 180 nel 1991. L'ex saltatore con l'asta dell'Università dell'Oregon, dove ha studiato architettura, ha anche al suo attivo la Air Max 93, che, come suggerisce il nome, è stata rilasciata nel 1993. Studiando il design di tutti questi modelli storici e iconici, si può capire quanto sia stato importante per Hatfield spingere i confini della tecnologia di Frank Rudy, dandole sempre più spazio e visibilità. È stato questo leitmotiv a dare all'Air Max il suo nome, abbreviazione di "Air Maximum".

Un nome che Sergio Lozano e Christian Tresser hanno rispettato con la Air Max 95

e la Air Max 97 rispettivamente. Altre silhouette classiche della gamma includono la Air Max Plus del 2000, meglio conosciuta in Francia come "Tn" o "Requin".

L'Air Max che ti serve è su Kikikickz!

Tutte queste sneakers iconiche si possono trovare sul negozio Kikikickz in una collezione esclusiva di versioni da collezione per uomini e donne. Qualunque sia il tuo stile e i tuoi colori

Abbiamo l'Air Max giusta per te. Dalle immancabili versioni bianche e nere, ai colori più eccentrici come il rosso, il giallo, il verde o il blu, la famosa bubble trainer di Nike viene regolarmente reinventata in edizioni limitate con diverse finiture, a volte nel quadro di collaborazioni eccezionali che non puoi non scoprire. Come Parra, Off-White, SUPREME e UNDEFEATED, per citarne solo alcuni, i più grandi nomi della scena streetwear globale hanno messo il loro timbro sulla Nike Air Max, il che la dice lunga sul posto che occupa su Kikikickz, e naturalmente sulla strada.