Virgil Abloh: uno sguardo indietro a un'icona della moda

Virgil Abloh : retour sur une icône de la mode

È stato con grande tristezza che abbiamo appreso il 28 novembre della morte di Virgil Abloh. Scomparso per una rara forma di cancro all'età di 41 anni, il designer lascia un grande vuoto. Molti del team Kikikickz hanno coltivato la loro passione per le sneakers attraverso il Chicagoan. Abloh è stato un designer di calzature geniale che ha indossato molti altri cappelli e realizzato molte cose, lasciando un segno profondo nella storia dell'industria della moda e delle sneaker. Diamo uno sguardo al viaggio di un prodigio.

Da Kanye West a Off-White, un'ascesa fulminea

Laureato in architettura, Virgil Abloh si è fatto un nome nei primi anni 2000 sulla scena di Chicago grazie ai suoi hobby di DJ e stilista. Ha poi incontrato un certo Kanye West, di cui è diventato uno dei bracci destri. Con lui, ha completato uno stage di fondazione presso Fendi, dopo di che ha lasciato la sua professione per aprire il concept store RSVP Gallery a Chicago nel 2009, che è stato immediatamente popolare tra i cool kids.

La sua carriera ha preso una nuova svolta nel 2011, quando ha vinto un Grammy per la sua direzione artistica dell'album collaborativo di Ye con Jay-Z "Watch The Throne". L'anno seguente, ha fatto un ingresso drammatico nell'industria della moda. La sua etichetta PYREX VISION è durata solo una collezione, ma ha avuto così tanto successo che è stata lanciata. Nel 2013 crea il marchio Off-White, che lo affermerà come designer.

Il designer che ha scosso il lusso

Con i suoi tagli ampi, i marchi e le stampe XXL, Off-White ha sconvolto il lusso e ha incarnato l'onda streetwear che stava spazzando le passerelle. Finalista per il premio LVMH 2015, le azioni di Abloh sono salite e lui ha aperto le porte alle collaborazioni. Nel 2017, ha firmato la collezione "The Ten" con Nike, una reinvenzione di dieci silhouette iconiche il cui design singolare ha sedotto gli sneakerhead e ne ha attirati di nuovi.

Un anno dopo, è stato promosso a direttore artistico delle collezioni maschili di Louis Vuitton. È diventato il primo stilista afroamericano a ricoprire questa prestigiosa posizione nella casa di moda francese. Le sue prime collezioni lo hanno reso il primo grande designer nero ad essere riconosciuto a livello internazionale.

Un'impressione duratura

Oltre ad aver suggellato il legame streetwear x lusso con Off-White e poi LV, Virgil Abloh ha segnato la storia della sneaker spingendola come fenomeno sociale. Collaboratore prolifico, per non dire frenetico, si è alleato con diverse entità, da IKEA a Evian a Baccarat, per altrettanti successi. Tutto ciò lo rende un grande simbolo dell'hype.

Nel 2019, il creatore ha menzionato un problema di salute, cancellando tutte le sue esibizioni pubbliche per alcuni mesi. Anche se da allora il ritmo è rallentato, ha continuato a sviluppare sneakers con Nike e collezioni memorabili con Vuitton, non lasciando trasparire la sua lotta parallela con una terribile malattia.

Qual è il tuo più

Qual è il più grande ricordo di Virgil Abloh?

Oggi, tutti gli attori del mondo della moda, ma anche più ampiamente della cultura di strada per la quale ha lavorato così duramente, gli rendono un vibrante omaggio.

Cosa ricorderete di Virgil Abloh? Quale sneaker Nike ti ha fatto più impressione? Una collezione "The 20" con lo Swoosh è ancora in lavorazione, e il designer continuerà a farsi un nome...


1 commentaire


  • Fofana

    Hello everyone
    Virgil was a good creativity design in the world 🌎 🙏


Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati